Cos’è la medicina estetica

La medicina estetica è una branca della medicina che si occupa di migliorare la qualità della vita di quelle persone che vivono una sorta di disagio estetico. Oltre a ciò propone dei trattamenti allo scopo di prevenire l’invecchiamento cutaneo e per correggere alcuni inestetismi.

Si ricorre sempre più spesso a trattamenti di medicina estetica che consentono di “rinfrescare” la pelle, correggere i primi di segni di invecchiamento e illuminare lo sguardo senza dover ricorrere necessariamente al bisturi. Grazie alle moderne e innovative tecniche di medicina estetica, già poche ore dopo il trattamento, è possibile tornare a svolgere le attività routinarie. Tutti i trattamenti di medicina estetica devono essere realizzati solo in centri professionali qualificati e, in alcuni casi, sono da evitare durante la stagione estiva.

In questa pagina abbiamo deciso di integrare tutte le informazioni riguardanti i trattamenti di medicina estetica più richiesti e praticati nel nostro studio che aiutano a ridonare una “seconda giovinezza” al paziente: botox, filler di acido ialuronico, peeling chimico e fili PDO.

Quali sono i trattamenti più efficaci per migliorare l’estetica del viso?

I trattamenti di medicina estetica del viso comprendono tutti quegli interventi volti a conseguire il miglioramento dell’aspetto del volto, il quale può perdere tonicità e freschezza a causa dello stress ossidativo.

Con i raggi solari e l’invecchiamento cutaneo è naturale che si creino imperfezioni, macchie, rughe e segni di stanchezza: la componente lipidica, presente negli strati più profondi dell’epidermide, tende a ridursi notevolmente. La mancanza di “nutrimento” rende la pelle evidentemente asciutta, flaccida e con evidenti problemi estetici che peggiorano sempre di più nel tempo.

Per questo motivo, ricorrere ai trattamenti di medicina estetica a scopo preventivo e correttivo aiuta a migliorare il proprio viso donandogli una “seconda” giovinezza. I trattamenti di medicina estetica che elenchiamo qui sotto sono poco invasivi e aiutano a migliorare l’aspetto estetico del viso in poco tempo.

Bioristrutturazione

È una procedura di medicina estetica mininvasiva che, attraverso piccole iniezioni in zone localizzate del viso, del collo e del decolleté aiuta a migliorare gli effetti dell’invecchiamento dei tessuti epiteliali. Grazie all’acido ialuronico, addizionato a polinucleotidi, reidrata e ristruttura l’epidermide in profondità.

Biostimolazione

È una procedura di medicina estetica eseguita con acido ialuronico che risolve gli inestetismi delle rughe e aiuta a riattivare i procedimenti biologici naturali per un corretto rinnovamento cellulare. Consente di “recuperare” tonicità, elasticità e luminosità.

Tossina Botulina (Botox)

Tra i trattamenti di medicina estetica più conosciuti e a cui si ricorre maggiormente vi è il botox o tossina botulinica che, da oltre dieci anni, è il miglior rimedio per ottenere uno “sguardo” fresco e riposato. È bene ricordare che le iniezioni di botox sono consentite solo per le rughe della fronte e per quelle tra le sopracciglia, per le cosiddette “zampe di gallina” e per l’iperidrosi (eccessiva sudorazione di mani, piedi e ascelle). Infatti, agendo a livello muscolare, la tossina botulinica rilassa in modo sostanziale le zone che, costantemente contratte, causano profonde rughe espressive.

Filler di Acido Ialuronico

I filler di acido ialuronico sono tra i trattamenti di medicina estetica più richiesti in assoluto: consentono di volumizzare varie parti del viso, come le labbra e gli zigomi, raggiungendo fin dal primo trattamento un risultato eccellente. Lo stesso termine “Filler” significa “riempimento”: le sostanze biocompatibili iniettate nei tessuti epiteliali riempiono e colmano le “depressioni” del viso.

Peeling

Il Peeling è un trattamento di medicina estetica che migliora l’epidermide: cicatrici da acne, macchie solari, lentiggini e rughe possono essere curati con il peeling. Esso consente di esfoliare in modo rapido e indolore gli strati superficiali epiteliali e di rinnovare in profondità nuovi strati cutanei.

Fili PDO o Soft Lifting

Il trattamento con i fili PDO o soft lifting, rappresenta l’ultima frontiera della medicina estetica per correggere l’invecchiamento cutaneo. Posizionati sottopelle, i fili PDO realizzano un vero e proprio effetto liftante donando immediatamente elasticità e compattezza ai tessuti.

Botox o Filler di Acido Ialuronico: differenze e vantaggi

Se ne sente parlare quotidianamente sia di tossina botulinica che di acido ialuronico, ma in effetti c’è molta confusione su quali siano le differenze e i vantaggi dell’uno e dell’altro trattamento di medicina estetica. L’acido ialuronico è una sostanza contenuta naturalmente nel nostro corpo che viene impiegata per “colmare” le rughe del viso. Con il passare degli anni, la pelle perde tonicità ed elasticità e per questo motivo è necessario procedere con la reintegrazione attraverso filler di acido ialuronico, vitamine e altre sostanze che favoriscono il rinnovamento cellulare e hanno un’azione riempitiva. Il botulino è una tossina naturale che consente di ridurre l’attività muscolare del volto: essa “paralizza” temporaneamente la zona in cui viene iniettata. La tossina botulinica è ideale per le rughe “dinamiche” o di movimento. Inizialmente il botox venne impiegato per correggere gli spasmi neurologici e le distonie muscolari, oggi NON riempie ma distende le rughe verticali tra le sopracciglia e quelle d’espressione.

Quando ricorrere all’uno e quando all’altro? L’acido ialuronico è consigliato nel trattamento delle rughe statiche, ovvero quei “solchi” causati dal processo di invecchiamento:

  • le rughe sopra le labbra;
  • le cicatrici da acne;
  • le cosiddette “linee del sorriso”;
  • i segni sulle guance.

La tossina botulinica è utilizzata per trattare le rughe dinamiche (le rughe di espressione):

  • le rughe nella zona perioculare;
  • le rughe del pensatore sulla fronte;
  • le rughe tra le sopracciglia.

Recenti studi e ricerche hanno validato la tesi che l’azione combinata dei due elementi funziona meglio e aiuta a combattere più efficacemente i segni dell’invecchiamento: il botox riduce l’attività muscolare mentre l’acido ialuronico rimane più a lungo nella zona trattata.

Peeling Chimico: caratteristiche e vantaggi

Il trattamento di peeling chimico utilizza delle sostanze chimiche (acido mandelico, acido glicolico, acido salicilico, Tca tricloroacetico) per creare un’esfoliazione controllata degli strati più superficiali dell’epidermide. Può essere usato per trattare le rughe, le cicatrici e il tono della pelle irregolare, aiuta a contrastare gli effetti dell’invecchiamento cutaneo, stimola la rigenerazione (turnover) cellulare e accelera la rigenerazione di nuovi tessuti cutanei. Non può essere utilizzato per eliminare le cicatrici profonde o per ridurre la dimensione dei pori. Si ricorre al peeling chimico per trattare le cicatrici da acne, la rosacea, le smagliature, l’invecchiamento cutaneo, la cheratosi, la dermatite seborroica e l’acne.

A seconda delle esigenze di ogni singolo paziente è possibile eseguire diverse tipologie di peeling: superficiali, medio-profondi e profondi. Cosa attendersi da un trattamento di peeling chimico? Il peeling aiuta a migliorare la texture e la tonalità dell’epidermide, oltre a minimizzare la comparsa delle rughe. Il tempo di guarigione varia tra 4 e 12 giorni, a seconda della profondità del peeling stesso e della concentrazione delle sostanze utilizzate. Dopo un trattamento di peeling chimico è bene evitare l’esposizione al sole fino a quando la pelle non si sarà rigenerata completamente.

Fili di trazione in PDO & Fili per biostimolazione in PDO: caratteristiche e vantaggi

I fili di biostimolazione e di trazione in PDO possono essere utilizzati sia per il viso che per il corpo (collo, braccia, addome, etc.). Si tratta di un intervento di soft lifting, o di lifting non chirurgico, che consente di posizionare sottopelle fili Polidiossanone (una sostanza utilizzata già da anni in chirurgia per la produzione di fili da sutura). L’obiettivo del trattamento è quello di realizzare un vero e proprio effetto liftante, donando immediatamente elasticità e compattezza ai tessuti. I fili di sospensione sono impiegati nei casi in cui le gravi lassità cutanee richiedono la trazione dei tessuti, oltre che la stimolazione di nuovo collagene, mentre i fili di biostimolazione vengono utilizzati quando il grado di invecchiamento cutaneo è lieve. I fili PDO vengono completamente riassorbiti e consentono di ottenere un effetto lifting immediato e una progressiva rigenerazione del collagene. Per la correzione degli inestetismi del volto vengono utilizzati i fili da 8 o 12 coni, mentre per il rimodellamento del corpo e per il profilo mandibolare sono impiegati fili più lunghi, precisamente da 16 coni.

Il trattamento consiste nel posizionare i fili riassorbili in specifici punti dell’epidermide per ottenere un duplice effetto:

  • fornire sostegno ai tessuti;
  • aumentare la produzione di collagene.

La durata di ogni seduta varia dai 20 ai 40 minuti e i risultati sono visibili già dalla prima seduta: maggiore compattezza con conseguente immediato miglioramento dell’aspetto delle rughe e degli inestetismi cutanei. I fili PDO sono assolutamente sicuri, riassorbibili, antimicrobici e non danno origine ad alcuna reazione allergica.

Nel nostro studio a Milano vengono effettuati i seguenti trattamenti di medicina estetica:

  • Peeling Chimico;
  • Trattamento ringiovanimento mani con Hidro max;
  • Filler (aumento volume labbra, zigomi, attenuazione rughe etc) eseguito con acido ialuronico;
  • Rinofiller;
  • Radiesse;
  • Botulino;
  • Mesoterapia lipolitica;
  • Biostimolazione e biorivitalizzazione (dipende dalle zone trattate e dai materiali utilizzati);
  • Asportazione fibromi, cheratosi, xantelasmi;
  • Blefaroplastica non ablativa;
  • Biostimolazione con PRP (viso, collo, mani, cuoio capelluto);
  • Trattamento iperidrosi con botulino;
  • Trattamento gummy-smile con botulino;
  • Trattamento del massetere con botulino;
  • Mesobotox;
  • Fili di trazione in PDO;
  • Fili per biostimolazione in PDO (dipende dal numero e dalle zone trattate);
  • Needling con dermapen (dipende dal prodotto utilizzato).

Contattaci






*campi richiesti